Archivio tag | crederci sempre

Cambio casa e cambio anche io…

trasloco2013

Con gioia posso dire di aver trovato una casa più grande e confortevole e, cosa ancor più spettacolare, è l’affitto!  Risparmierò ben duecento euro al mese.

Al momento però sono un po’ stressata, manca un mese al trasloco definitivo e sono sommersa da scatoloni. Mai come al momento di traslocare ci rendiamo conto della quantità di oggetti e arredi che si è accumulata nella nostra esistenza… e mai come al momento di traslocare emerge l’esigenza di fare ordine, liberarsi del superfluo, dell’inutile, per iniziare una nuova vita!

 

Nespak

E se vi dicessi che sono felice? Ebbene lo sono e in poche righe, per non annoiare nessuno, proverò a scrivere perché.

Ho trovato un lavoro!

Sì, mi hanno scelta dopo aver intervistato alcune candidate, è un lavoro a tempo determinato in una bella azienda a Massa Lombarda;  si chiama Nespak ed io sarò d’aiuto nell’ufficio spedizioni. Mi sento di nuovo viva nel vero senso della parola!

Ho un programma di lavoro da imparare e persone stupende da conoscere, ed ho di nuovo una lunga estate per arricchire me stessa con nuove emozioni e sensazioni.

Posso affrontare questo cammino con serenità,  gli esami vanno bene, il cancro è fermo ed io mi sento in forma! Non ho nessuna intenzione di smettere di scrivere e di leggervi, mi siete stati tutti vicino e siete importanti per me: avete fatto in modo che non mi sentissi mai sola. Ecco perché sono sicura che in questo momento della mia vita sarete felici per me e con me!

Adesso ogni volta che al supermercato comprerete pesche, albicocche oppure due buone braciole confezionate in quei bei contenitori, penserete a me: la Nespak è azienda leader nella produzione di tanti di questi articoli che poi spedisce in tutta Italia e nel mondo.

Credo

La nostra paura più profonda

non è di essere inadeguati.

La nostra paura più profonda,

è di essere potenti oltre ogni limite.

E’ la nostra luce, non la nostra ombra,

a spaventarci di più.

Ci domandiamo: ” Chi sono io per essere brillante,  pieno di talento, favoloso? “

In realtà chi sei tu per NON esserlo?

Siamo figli di Dio.

Il nostro giocare in piccolo,

non serve al mondo.

Non c’è nulla di illuminato

nello sminuire se stessi cosicchè gli altri

non si sentano insicuri intorno a noi.

Siamo tutti nati per risplendere,

come fanno i bambini.

Siamo nati per rendere manifesta

la gloria di Dio che è dentro di noi.

Non solo in alcuni di noi:

è in ognuno di noi.

E quando permettiamo alla nostra luce

di risplendere, inconsapevolmente diamo

agli altri la possibilità di fare lo stesso.

E quando ci liberiamo dalle nostre paure,

la nostra presenza

automaticamente libera gli altri.

 

Nelson Mandela

Grazie

Sento il bisogno di ringraziare alcune persone: lo farò a modo mio, userò parole semplici ma lo farò pubblicamente, perché se lo meritano.

Dunque, bisogna che sappiate che…

Ho passato quasi tutta l’estate  2011 ricoverata nel reparto di Chirurgia dell’Ospedale di Imola Santa Maria Della Scaletta, diretta magnificamente dal Dottor Artuso.  Sono stata operata due volte da chirurghi bravissimi,  le miei prime lacrime di disperazione me le ha asciugate il Dottor Linguerri: forse un grazie vero per avermi salvato la vita e l’intestino non gliel’ho detto mai! La timidezza del Dottor Giorgio Borioni, insieme alla sua bravura, fanno di lui un dottore con un grande cuore e tanta umanità.  Ma  voglio ringraziare ancora una volta  Il Dottor Artuso, che con la sua equipe  si è preso una vera dose di rischio operandomi la seconda volta per asportare il cancro e rimettere l’intestino all’interno della mia pancia: non so se avrei trovato la forza di vivere altrimenti. E un grazie infinito a tutti gli altri dottori e alle meravigliose infermiere della chirurgia.

Ma non è finita, nel mio caso il tumore necessita di chemioterapia, e qui arriva il bello…

A fine settembre 2011 vado alla visita oncologica: il dottore che ha avuto la sfortuna di incontrami per primo (ero terrorizzata , arrabbiata, etc) è stato Sandro Minzoni: che bravo che è stato! Mi ha convinta dopo un’ora di mie lacrime e di miei perché… insomma, è riuscito a fissarmi l’appuntamento con quello che sarebbe stato il mio oncologo in reparto, e anche qui devo dire che sono stata fortunata: le decisioni sui pazienti e sulle cure le fanno collegialmente insieme al primario il Dottor Maestri, ritenuto bravissimo nel suo campo.  Ha un aspetto da “genio triste”, ma quello che conta è il suo sapere e lui sa! Le infermiere sono simpatiche, dolcissime e soprattutto non sbagliano mai una vena… e anche questo è sapere!

Ma veniamo al mio oncologo: siete curiosi, vero?

Si chiama Luciano Scopece capelli lunghi, sorriso splendido, pacata serietà, chiarezza nello spiegare le cose, una immensa dose di umanità. Lo adoro (e poi detto fra di noi è pure bello), ma questo lui lo sa già; sono riuscita a farlo arrossire più di una volta. La Marghetti è tremenda, che si sappia!

Quindi ho iniziato il mio percorso verso la mia potenziale guarigione e vittoria: ogni 21 giorni mi reco in ospedale e cerco di essere sempre carina e sorridente, vado incontro alla terapia con il sorriso. Ho paura: è ovvio che sia così. Attendo l’esito degli esami con una certa ansia ma, mentre attendo di venire chiamata, cerco di chiacchierare con gli altri pazienti. Non potete immaginare quante persone ci sono che soffrono! Ho sempre pensato che la solidarietà sincera aiuta davvero. Condividere il dolore fa si che le persone non si sentano mai sole. Ho incontrato e cercato di fare amicizia con gli altri pazienti, e con molti di loro ci sono riuscita e ho anche imparato che se non  vedo più qualcuno, non devo chiedere dov’è finito… perché la risposta a volte  fa piangere.

Quindi nella mia mente penso che se  non vedrò più o questo o quella… è perché ha finito la cura!

Aiutare la ricerca, è necessario, si sono fatti passi da gigante e bisogna continuare contribuendo generosamente per salvaguardare la vita di tutti, la vita è una sola: merita di essere vissuta sempre e fino in fondo!

http://www.airc.it

Con tutto il cuore

Grazie.

Monica Marghetti