Archivio tag | essenza di te

Raccogli…mi

dal webbaciorosa

Raccogli l’amore che meriti e che merito.
Non voglio nulla di diverso. E lo sai…

Davanti all’interrogativo:
reprimere o no.
 NO.
 Io, sono.
 Donna e sentimenti e emozioni.
 E corpo. Fisico, caldo.
 le mie carezze, il mio respiro.
 Se mi vuoi…

 Ma
 devi volermi…
Troppo!

 

 

Monica – 1

Foto by pires de sousa Toccata und Fuge

T’avveleno di vita.
 Potrei.
 Veleno al contrario che
 riscalda, e non gela, il tuo cuore.
 Fammi entrare.
 Lasciami scorrere nelle tue vene.
 Lasciati scaldare…
 More and more and more and…
 
 
(Stop)
 Potrei. Potrei rompere il buio
 con il mio corpo e
 a toccarti le mani potrebbero essere ancora le mie.
 Conosco
 conosco ogni dettaglio di te…

 (Play)
 “Calore e un lunghissimo gioco
  di piacere che procuro a me…
  dalla sagoma dei tuoi fianchi
  che si muovono nella mia testa…
 Abbandono crescente nel muschio dei tuoi capelli…”
 
(Stop).
 S-T-O-P
 
  No more…
  Sedermi di fronte a te, potrei.
  Tu
  sei lontano.
  Tu hai scelto di
  imprigionarmi nella tua testa soltanto.
  Invalicabile acquario e muto.

  Vorrei che tu mi guidassi alla ricerca
  della tua bocca che al buio non vedo…
  ma sento, ne seguo la linea di morbide labbra,
  che con la mia lingua dischiudo.
  E ancora ti esploro, ma lenta
  finchè davvero i sospiri
  divorate parole
  diventano suppliche…
  Tutta me a chiederti ancora, ancora e di più di più…
  e tu saresti dolcemente una furia
  né distinguere potrei le mani tue
  dovunque su me
  …ti sentirei vibrare tremare
  vorrei sentire tutta la passione forza, potenza sentire che vuoi me
  daccapo…
  E scrivo per te… anche adesso…
  E m’illudo di sentire dalla tua voce
  gridato il mio nome!

                                          MONICA!

“Registro” il mio cuore

Nundo Belo

Di notte riavvolgo e riascolto e riavvolgo
un nastro custode di suoni ormai attorcigliati.
Tante sono le volte che gli ho imposto di restituirmi la tua voce.
(Stop) –  (Play).
Sogno  e pretendo e odio le tue parole
quelle non dette,
non a me sussurrate, modulate, gridate.
Suonano estranee ma io…
eppure, le voglio.
(Pause).
Avrei dovuto capire che a me
non avresti mai trovato il coraggio per dire
parole attese tanto da rimanere sfinita.
Ma scrivi, tu scrivi, mi scrivi.
Sì certo, parole come ornamenti.
Ma mute. Vieni. Parla. Nudo rimani.
Anche Tu.
E scrivo io pure, allora, scrivo, sulla mia pelle scrivo.
A te. Inutilmente solitari entrambi.
(Play).
E non la riconosco
la tua voce che ascolto ostinata.
Tuttavia l’ascolto.
Mi restituisce, di te
sensazione (t’immagini?) viva.
Del tuo corpo che il mio
confonde di desiderio.
Tracce soltanto. È poco.
Basta! Carne.
Lo siamo.
(Stop)(Stop)
(Stop)

Fanno meglio i ricordi (o più male).
Il tuo profumo d’uomo io bestiolina annusavo incatenando, in
desiderata schiavitù, la mia pelle alla tua pelle ‘lontana’.
Inutile. Non posso raggiungerti. Mi cerchi, ti neghi.
Braccia, le tue, cingevano me senza che potessi toccarti.
E tempo frammezzo che la tua voce non voce mi dava, io, ‘cantante’ e
cantora dei versi più belli ma soli.

So soltanto che il tuo profumo da  sempre ha reso me schiava della tua
pelle "lontana"
Che la tua voce non voce tempo mi concede e mi rende "cantante" dei
miei versi più belli.
Dunque scrivo sostituendo con l’inchiostro carezze che mi urgono
dentro. E racconto ai miei sensi di un desiderio compilato invece che
vissuto. Eppure docili braccia e calde possiedo,
ho solo parole a pagina bianca affidate.
E la pagina nel desiderio affidato bianche lenzuola si fanno,
corpi veri cesellano appassionate carezze,
autentiche carezze.
E scrivo per te… no faccio l’amore…
donna per te, anche ora…

Conturbanti Assaggi…

monica devi dire addio 

Di che cosa sai?

 

Di faggio e betulla,

mentre cammini per le strade della città

che sanno di grigio.

 

Di ciliegia,

quando ridi

come un bambino.

 

E di muschio

sai

quando al tuo corpo

accosto il mio furibondo di desiderio

proprio come il tuo.

 

Sandalo e Vetiver 

castagno e miele

i nostri corpi

inventano fragranze

fino a che

non stanchi ma sazi

(almeno per un poco)

riposiamo intrecciati

sorvegliando

l’uno dell’altro il respiro

non ancora rallentato…

 

In un mondo fatto solo di

mony vista da bluart

Vorrei dirti…ciao.

Si comincia così

per infilarsi poi in abbraccio

un abbraccio stretto

un bacio

un bacio vero.

Quella è la chiave

apre la porta

del paradiso.

Il mio paradiso perfetto!

Fatto di carezze leggere

di mani sapienti

delicate e audaci.

Corpo e mente insieme

stessa direzione

profumi che si mescolano

corpi che si intrecciano

parole sussurrate

altre gridate

in un vortice lento

e poi veloce

inferno indecente

di puro e intenso

desiderio.

Ma vorrei che fosse

Amore.