Archivio tag | restare bambini questo è

12 luglio un pò del mio cuore

sentimento foto dal web

Ecco l’acqua…non mi ricordo, o forse volevi un caffè…beh, semmai dopo.

Sì. Se solo avessi avuto il suo cuore…e il suo modo di non chiedere nulla. Per lui una camicia usata, un paio di scarpe anche non sue… che festa nei suoi occhi! Un bambino buono davvero, che ad ogni cosa dava un nome, a me ne ha dati tanti Pentolina,Monì,Dada,Musona e molti altri ancora… devi sapere che aveva tanto rispetto per gli altri e lo sai  che durante tutta la malattia, quando andavamo nei bar anche solo per un bicchier d’acqua, lui chiedeva quello di carta…..era sempre pulito  quelle persone che odorano di buono sempre! Mi ricordo che mia madre mi ha sempre detto che quando è tornata a casa dall’ospedale con Milo in braccio, la prima cosa che ho fatto è stata annusarlo, e che con il passare dei mesi gli hanno dovuto mettere una specie di cuffietta "mentolata" perchè io ci passavo ore ad annusarlo, a respirarlo  e senza volere, succhiavo il sangue perchè mentre ti respiro io ti inondo di micro bacetti… come per non dimenticare il sapore… il mio attaccamento a lui non si può spiegare e non voglio trovarci spiegazioni…piccolo, lui è rimasto piccolo nel mio cuore; sai, un signore importante un giorno mi ha detto "smetti di piangere, le tue lacrime non lo stanno facendo salire dal signore… imprimiti nella mente il suo ricordo più bello, lui ora non soffre più"

Il signore importante ha ragione, ma io vedo oggi come ieri  la sua faccia… un sorriso triste e mai un lamento. Sai, tutti dicono che i tossicodipendenti sono violenti e picchiano: non è vero, non è così, sono persone delicate, sole,  che hanno tentato di urlare ma nessuno li ha ascoltati!

 

12 luglio,il compleanno di Milo.

 

Ti vorrei regalare

gelatini 5 stelle

Conosco una persona che guarda il mondo timidamente  e si è sempre domandata: –cosa ci faccio qui? a chi sono destinata? –
Conosco una persona con un cuore grande  e un sorriso sincero.
Conosco una persona che si emoziona come un bambino davanti a tutte le vetrine  e desidera  un cornetto cinque stelle Sammontana!
Conosco una persona che cammina tutta sola, la guardo e penso:che due occhi così belli non dovrebbero mai piangere!
A questa persona vorrei regalare tutto quello che la vita non gli ha dato…e per iniziare:

-Cameriere per favore due cornetti cinque stelle Sammontana!-

 

Sì può dare di più

E si ricomincia  dalla stazione centrale di Bologna…per poi ritrovarci al Cantagallo autogrill.

Un mucchio di baci abbracci e auguri di compleanno faccio fatica a trattenermi è tanta la voglia di loro…loro ovviamente sono i miei amici! Ok adesso la prima parte di noi c’è tutta via, si parte per Firenze … Andrea è il capo fila segue Margherita con Sabina ,Lamarghetti con Arabapernice fanalino di coda Mario e Carlo …dopo un’ora e ventisette minuti siamo parcheggiati al Parco Le Cascine di Firenze cerco Viviana…la vedo le corro incontro e in braccio! E poi arriva Francesca arriva Paolo, Nicolò,Giarre, Profemate è festa, canti, cibo,risate (capricci i miei ). E poi l’inno cantato con gioia da tutti (non è vero li ho sfiancati) e poi arriva una torta di un metro per un metro …e auguri di buon compleanno a profemate e arabapernice  mi sono commossa ma non mi sono fatta vedere…un sms di Pralina è passata a salutare ne sono felice  e poi…beh poi sono stata sulle giostre …il resto se volete venite a viverlo con noi al prossimo raduno! Perché FUORI DI TESTA SI PUO’ ANCHE NASCERE… MA CON NOI LO SI DIVENTA ED E’ TANTO BELLO! 

  

Il Video è gentilmente offerto da Laura Giarre:

 

RAGAZZI IO VI AMO!!!

 http://okkirossi.splinder.com

 http://albatros900.splinder.com

 http://cazzeggiolibero.splinder.com

 http://ilcanto.splinder.com

 http://www.ioepapperina.it/blog/index.php

 http://minimazione.splinder.com 

 http://liberiamoli.splinder.com

 http://registroclasse.splinder.com

 http://paramuricea.splinder.com

 http://lepoesie.splinder.com

 http://iradegliangeli.splinder.com 

 http://superpralinix.splinder.com   

 

Bacio al fiore…

colidianalove

 

Fantabà & Moniquemilò

In : “Besaflor”

 

 

 

 

Ti ho intravisto… nelle parole picchiettate sui tasti, generose e leggere, ma tanto forti da spezzare le catene che stringevano la solitudine del mio cuore.

E mentre mi spogliavo dalle catene, mi vestivo d’amore!

Intanto sui tasti tu continuavi a intrecciare parole e amore e anch’io imparavo di me, che ero capace d’amare. E le parole continuavano a frullare, simili al rapido battere d’ali di un colibrì sospeso dinnanzi a un fiore da cui riceve, e gli è grato, nutrimento dolcissimo.
Besaflor del mio cuore, che per te si fa corolla di petali delicati d’arcobaleno…
Besaflor che ringrazi il tuo fiore, che ti curi di non sciupare.
E in punta di becco non dimentichi mai, Besaflor, di lasciare un tenero bacio, in cambio di una stilla di dolcezza dal fiore donata…

 

Vi auguro che un Besaflor vi sfiori lieve anche per il 2008 dal mio cuore vi giungano i migliori auguri per un anno da vivere alla grande o un anno da vivere…semplicemente!

con amicizia e amore

la vostra (sì, vostra è così che mi sento)

monica.

  

 

  

Per te e anche un pò per me…Buon Natale

babbo natale e natalina 

Ehi…Milo mio,

Puoi benissimo immaginare che pensi a te un po’ più del solito.

Hai visto? Ho fatto l’albero, il sedicesimo, e di nessuno di quelli passati ho una fotografia, non mi serve. Di ognuno conservo il ricordo. Così come ricordo ogni istante, ogni momento… Ricordo la tua voce – la cassetta è sempre più fragile, ma anche lei, come me, resiste – e quando ho bisogno di sentirmi di qualcuno schiaccio il tasto play e sento la tua voce che mi dice: "sarai sempre la mia Moni… dai, non essere arrabbiata… io ti voglio bene…" .Ecco che in questa casa sempre più vuota ci sono le luci c’è il ricordo di Pillino c’è il vestito da pupentolina… c’è Rossella c’è Alessia e ora c’è la tua Monì la sorella che volevi…

A proposito, ho ottenuto da babbo, sai, un regalo: il giorno di Natale  sarò a pranzo a Soloralo con babbo e Olga, mamma e Giancarlo,  Rossella e Sanzio… Io ci andrò con Alessia in fondo siamo una famiglia allargata…. Ti prego non lasciarmi sola, vieni anche tu… Ci devo riuscire Milo,  e sarà un gran Natale!

"Corri, Moni, corri…". Sì….

 Buon Natale a tutti con amore!

Mancano sette giorni a Natale ho voglia di parlare

con_Tarlo_un_pomeriggio

  Allora non volete sapere di quella sera in cui con le mie amiche del corso di Spagnolo si decise di andare a San Lazzaro al Bowling… Dove per via del mio peso mi diedero la boccia rosa da bambini, non tenendo conto però che ho le mani grandi…

…Ecco la Marghetti al tiro, boccia in mano. Licia (è bravissima) che mi dice fai così… fai colà, prendi la rincorsa e lancia il più dritto possibile…

Ecco appunto…non lo volete sapere.  Beh, pazienza…(rido).

 

E neanche volete sapere di quella giornata…

Marradi Maneggio, sììì… tutto il branco delle "smesse" a cavallo. Io adoro quell’animale, però a differenza di Claudia, Simona e Gabriella io non ci ero mai salita sopra. Comunque mi presentai vestita modello Calamity Jane, cappello e  frange comprese, che ridicola!

Il titolare del maneggio, un omone di poche parole, stava assegnando il cavallo a tutte… e io raccomandavo di darmene uno tranquillo. Lui mi guarda e dice: "Tu, con quella faccia che ti ritrovi… Eheheh… ti darò… ti darò…Fulmine!".

Ah, già, ma non lo volete sapere… (rido molto). Beh, pazienza anche stavolta…

 

 

E che per anni ho fatto l’abbonamento al Teatro Duse di Bologna, e che ci andavo con Roberta sempre il giovedì sera… nemmeno questo volete sapere…

Nel pacchetto comprato in Internet, oltre ai classici era compreso anche lo spettacolo comico.Bene… chi mi conosce dal vivo sa che risata ho io… e a chi non mi conosce, a quanto pare non va di saperlo…

Quindi com’è che a un certo punto la Premiata Ditta abbia smesso di recitare perché piegata in due dal ridere, no, non lo volete sapere. E quindi non ve lo racconto… Eheheheheh!

 

Invece, e a me fa piacere saperlo, volete la pagina 141 del mio libro, che se per certi versi vi ha fatto (non a tutti, è ovvio) piangere, però  possiede al suo interno alcuni attimi meravigliosi di amore oltre ogni limite, e tanti, tanti indimenticabili sorrisi…  (ora sorrido, infatti!)

 

 

Voglio urlare, pag. 141

 

Castelfranco Emilia.

Noi si andava a turno a trovare Milo in carcere.

Lui mi vedeva bellissima: come facesse me lo domando ancora.

E di me parlava anche con gli altri detenuti.

Bisogna che spieghi che un paio di mesi prima ero stata intervistata fuori dal solito supermercato. Non potevo nemmeno immaginare che in realtà si trattava di una selezione per la partecipazione allo spot televisivo di un famoso detersivo.

Ma ci credi che hanno preso proprio me?

Così mi ritrovai sulle varie reti televisive a raccomandare con convinzione l’acquisto di quel detersivo piuttosto che di un altro.

Lo spot andò in onda per tanti mesi, ma io non ne avevo fatto parola con nessuno.

Cosa vuoi che ti dica, mi vergognavo.

Ma un bel giorno, in refettorio, Milo che neanche a dirlo stava parlando di me, all’improvviso si vede comparire in televisione la mia bella facciotta.

Lui sgrana gli occhi: eccola, è lei mia sorella, è lei!!

Non si può dire com’era felice: una sorella famosa!

La settimana dopo, durante il solito colloquio, mi vedo recapitare da un Milo felice e orgoglioso una pila di fogli dei vari Angelo, Antonio, Piero, Peppino, con solenne richiesta di autografo possibilmente con dedica.

 

Lui mi amava alla follia.

E così io amavo lui.

Ma forse davvero e per davvero non glie l’ho mai detto.

Sorrido, ma mi manca da morire.

 

Per tutti i bambini e non…adesso è Natale:  http://offart.splinder.com