Archivio tag | dolce vita

Natale arriva in Giugno

Renoir roma giugno 2008

A volte succede che Natale arrivi in giugno …non ci credete?
Allora vi racconto la costruzione del mio “albero di Natale vivente”
In ordine di apparizione:

Margherita una papera che cambia colore da turchese a rosso amore in un batter di ali.

Dolcecaronte che fra un crodino  un sorriso, una marghetti e una pappera si imbarazza però è a suo agio.

Viviana che colorata dentro e fuori mi abbraccia ma vuole fare l’orlo a una camicetta…

Tassinari vari, che mi vogliono sposare ma Margherita non concede la mia mano.

Renoir che mi aspetta al Vittoriano il catalogo costa troppo e allora con 4 cartoline mi sono fatta felice ugualmente!

…Tu come stai?
Bene grazie però fammi finire di raccontare…:

Scaramouche che sorride e ci offre (cannoli siciliani a Roma) e la sua amicizia!

…ma dimmi davvero come stai?
Giuro sto bene! Aspetta non ho finito…

Blu che sotto il sole attende di conoscere Margherita… della marghetti può fare a meno ma le sorride.

Patty splendida ci aspetta con cappello e torta e un abbraccio che desideravo da tanto, tanto tempo!

Struzzonero mitico, unico che dice : ammazza come se semo divertiti!

Albatros che mi vuole a Roma un po’ più spesso parla con me ma cerca Lale e allora giochiamo!

Okkirossi che con splendida sorella al seguito mi dice che è tanto felice ma a paura di perdere

Quello che adesso di bello ha conquistato! Ma sono sicura che non lo perderà!

Dolcecaronte BIS che scatenato ha dimenticato il portafoglio in tutta la sua interezza

Duracella una splendida ragazza occhi dolci una felice e nuova scoperta per me!

…sei sicura di stare bene?
Ma insomma non mi vedi? Non vedi il sorriso che ti sto facendo? Sto bene credimi!

Memorialiquida –Max  un amico nuovo un libro una dedica tanti sorrisi a Margherita e anche per me!

Ma occhi belli come quelli di Santin non si vedono tanto facilmente!

GRAZIE  ROMA!
…Sto bene davvero,non fare caso se mentre te lo scrivo piango un po’…

I miei amici li trovi qui:

http://www.ioepapperina.it/blog/index.php

http://dolcecaronte.splinder.com

http://joolhan.wordpress.com

http://memorialiquida.splinder.com

http://pattychiari.splinder.com

http://okkirossi.splinder.com

http://albatros900.splinder.com

http://cazzeggiolibero.splinder.com

http://duracella.splinder.com

http://struzzonero.splinder.com

http://nuovo-fortebraccio.splinder.com

 

Annunci

Da giovedi a domenica

Sto finendo di fare la valigia domani  tarda mattinata partirò da qui…

 imola2 parto da qui

 Arriverò quiRomaStazioneTermini

Visiterò questa mostra qui

Paul Gauguin roma 07

Starò insieme a Viviana e vedrò tanti amici

dolce_vita

 

Tornerò domenica sera…

mony vista da roberta..

Guepiere e Calzino

Guepè

la prima parte era il post del 19 ottobre Titolo Calzino

….l’amore continua per guepiere e calzino…

La signora molto bella ha acquistato guepiere per una serata fuoco e fiamme con Gildo, lo stalliere più stallone del rione.

Non appena arrivata in villa, si apprestò a chiamare Clausura, la governante moglie di Libertino, il maggiordomo, e consegnarle il paio di calzini bianchi corti di ricambio.

Per un attimo guepiere si sentì abbandonata, mentre calzino soffriva già senza la sua amata.

Ma almeno erano nella stessa casa pensò e forse, di tanto in tanto, come fanno gli amanti, si sarebbero trovati in lavanderia…

La signora chiamò al telefono Gildo, dandogli appuntamento quella stessa notte con molte frasi miciose e maliziose….Il Gildone nazionale non si fece pregare.

A mezzanotte in punto ecco che di soppiatto arrivò Gildo, e trovò Desideria bella, provocante,  fasciata in quella meravigliosa Guepiere…candele, champagne,  musica strappa mutande…

E alla visione di cotanto pezzo di bambolona Gildo perse il controllo e con un balzo saltò addosso a Desideria e…strappp!!: ”Nooooooooo! Disgraziato! Ho speso 350 euri per questo capo…dovevi fare pianino…”

“Io sono nato per andare al galoppo, questi orpelli a me non servono”

Wow, una notte da urlo…(in effetti nessuno in villa potè dormire…) anzi…uno solo dormiva beato:  Libertino! Clausura, molto triste e un pochino invidiosa per i giochi che si stavano facendo ai piani alti…pensò: “Mannaggia però….se una cosa nera di pizzo scatena certe cose …ahhh se ne avessi una anche io…”

Al mattino Clausura entrò per rigovernare la stanza, la Signora era tutta bella pimpante e disse: “Clausura!  Non ti dannare a lavare la Guepiere…puoi buttarla via, sai? Era robaccia, si è strappata subito e non me lo spiego…”

Clausura si illuminò…e pensò: “posso ricucirla…metterci una pezza e sarà mia…stanotte Libertino non avrà scuse!”

E fu notte: Libertino era sul letto: canottiera, boxer di cotone e i calzini nuovi nei piedi. Era stranamente agitato…all’improvviso uscì dal bagno Clausura stritolata (insaccata come una salsiccia dentro  guepiere )…si avvicinò al marito con fare goffo…ma i piedi di Libertino sembravano impazziti…uno strano friccicore e un calore mai sentito….Quella notte Clausura non se la dimenticò più!  Libertino ebbe una performance fenomenale…calzino e guepiere a terra e per la prima volta anche loro si amarono completamente e rimasero insieme per sempre.   

 

THE END

si consiglia la lettura ad un publico adulto (sei contento Grakula?)