Archivio tag | basta sognare

Tempo – 2

Lavori_in_Corso

Annunci

“Registro” il mio cuore

Nundo Belo

Di notte riavvolgo e riascolto e riavvolgo
un nastro custode di suoni ormai attorcigliati.
Tante sono le volte che gli ho imposto di restituirmi la tua voce.
(Stop) –  (Play).
Sogno  e pretendo e odio le tue parole
quelle non dette,
non a me sussurrate, modulate, gridate.
Suonano estranee ma io…
eppure, le voglio.
(Pause).
Avrei dovuto capire che a me
non avresti mai trovato il coraggio per dire
parole attese tanto da rimanere sfinita.
Ma scrivi, tu scrivi, mi scrivi.
Sì certo, parole come ornamenti.
Ma mute. Vieni. Parla. Nudo rimani.
Anche Tu.
E scrivo io pure, allora, scrivo, sulla mia pelle scrivo.
A te. Inutilmente solitari entrambi.
(Play).
E non la riconosco
la tua voce che ascolto ostinata.
Tuttavia l’ascolto.
Mi restituisce, di te
sensazione (t’immagini?) viva.
Del tuo corpo che il mio
confonde di desiderio.
Tracce soltanto. È poco.
Basta! Carne.
Lo siamo.
(Stop)(Stop)
(Stop)

Fanno meglio i ricordi (o più male).
Il tuo profumo d’uomo io bestiolina annusavo incatenando, in
desiderata schiavitù, la mia pelle alla tua pelle ‘lontana’.
Inutile. Non posso raggiungerti. Mi cerchi, ti neghi.
Braccia, le tue, cingevano me senza che potessi toccarti.
E tempo frammezzo che la tua voce non voce mi dava, io, ‘cantante’ e
cantora dei versi più belli ma soli.

So soltanto che il tuo profumo da  sempre ha reso me schiava della tua
pelle "lontana"
Che la tua voce non voce tempo mi concede e mi rende "cantante" dei
miei versi più belli.
Dunque scrivo sostituendo con l’inchiostro carezze che mi urgono
dentro. E racconto ai miei sensi di un desiderio compilato invece che
vissuto. Eppure docili braccia e calde possiedo,
ho solo parole a pagina bianca affidate.
E la pagina nel desiderio affidato bianche lenzuola si fanno,
corpi veri cesellano appassionate carezze,
autentiche carezze.
E scrivo per te… no faccio l’amore…
donna per te, anche ora…

Sogno, o Forse no

camino2

Nuda. E tu accanto.

Toccami! penso, ma taccio, e ancora non lo fai. Sapiente dolcissimo tormento. E così eccitante… Il tuo sguardo percorre così lento ogni più piccola parte di me. Impudica, e mai così nuda, adesso. E tu d’improvviso ti discosti, regalandomi una fitta di solitudine, ma passeggera. Ora, davanti al fuoco, di spalle son io che ti guardo e ti esploro. Ti muovi deciso, ravvivando le braci assopite. Una favilla guizza dalla fiamma e raggiunge la mia pelle  e mi strappa un gemito lieve che ti riporta da me. Toccami! dici e mi vuoi. Urgenti carezze, come bere finalmente acqua fresca d’un fiato, l’uno l’altra attizzando come fuoco accudito, e poi… Poi.

 

La fiamma, nel camino, danza al ritmo che impone il nostro fare l’amore…

 

Da giovedi a domenica

Sto finendo di fare la valigia domani  tarda mattinata partirò da qui…

 imola2 parto da qui

 Arriverò quiRomaStazioneTermini

Visiterò questa mostra qui

Paul Gauguin roma 07

Starò insieme a Viviana e vedrò tanti amici

dolce_vita

 

Tornerò domenica sera…

mony vista da roberta..

Il Valigino

….non elemosinare affetto!specchio interiore

Non ti vuole?

non sei sbagliata tu…

convinciti, e senza ferire

fai la tua strada

non si vive per sempre

e non ti voglio più sentir dire…

domani, perché domani era ieri!

 

 

Avrei voluto fare un lungo pezzo di strada con te, ti avrei aiutato a portare i pesi, le malinconie, i pensieri. Mi hai messo in angolo e sai…ho scoperto che non mi piacciono gli angoli, e poi è buio! E ora vorrei il sole in faccia. Ho fatto ore di prove di sorrisi davanti allo specchio, in attesa di fare il sorriso più bello, vero e spontaneo a chi mi chiederà di portare un paio di valigie piene di vita.       

 

Mai Banale

mai uguale

Fai in modo che non diventi banale quotidianità,
sto cercando con tutte le parole che conosco di dirti
che avrei voglia di correre su di un prato,
che dormirei con te sotto le stelle,
che farei il bagno di notte nuda al mare come piace a te.

Vedimi diversa, perchè ogni giorno sto cambiando qualcosa di me,
per stupirti, per farti innamorare .

Pazientemente aspetterò la luce dei tuoi occhi
quella bellissima, intensa luce.

Scaldami il cuore, dammi il tuo amore,
prendimi fra le braccia e fammi sognare.